Mercoledì, 28 Luglio 2021

Società cooperative – mutue assicuratrici

Le mutue assicuratrici o società di mutua assicurazione sono società cooperative caratterizzate dalla stretta interdipendenza che per legge esiste fra la qualità di socio e la qualità di assicurato: non si può acquistare la qualità di socio, se non assicurandosi presso la società e, viceversa, si perde la qualità di socio con l'estinguersi dell'assicurazione.

Nelle mutue assicuratrici per le obbligazioni sociali, ed in particolare per il pagamento delle indennità assicurative ai soci, risponde solo la società col proprio patrimonio.

I soci assicurati sono obbligati verso la società al pagamento di contributi, che costituiscono nel contempo un conferimento e premio di assicurazione. Essi sono calcolati con i criteri tecnici propri dei premi di assicurazione e, al pari di questi ultimi, sono di regola pagati periodicamente.

Il patrimonio sociale, formato con i contributi dei soci assicurati, può essere però insufficiente per l'esercizio dell'attività assicurativa. Per superare tale ostacolo l'atto costitutivo può prevedere la costituzione di fondi di garanzia per il pagamento delle indennità, mediante speciali conferimenti da parte dei soci assicurati o di terzi, attribuendo anche a questi ultimi la qualità di socio. Ne deriva che nelle mutue assicuratrici possono coesistere, e di regola coesistono, due categorie di soci:

  • soci assicurati;
  • soci sovventori

I soci sovventori si limitano a conferire il capitale necessario per l'attività della società, senza essere assicurati. La legge si preoccupa però di evitare che i soci sovventori, non animati da scopo mutualistico, prendano il sopravvento nella gestione della società, e pertanto sono stabiliti alcuni limiti.

L'atto costitutivo può attribuire a ciascun socio sovventore (anche persona fisica) più voti, ma non oltre cinque, in relazione all'ammontare del conferimento. I voti attribuiti ai soci sovventori siano in ogni caso inferiori al numero dei voti spettanti ai soci assicurati.

Ed infine, i soci sovventori possono essere nominati amministratori, ma la maggioranza degli amministratori deve essere costituita da soci assicurati.

                                                                                                                                                          Alessandro D’Antonio

Bibliografia: 

G. Campobasso, “Manuale di diritto commerciale”, Roma, Utet, 2012; 

A. Gambino, Daniele U. Santosuosso, “Fondamenti di diritto commerciale vol.2”, Torino, Giappichelli Editore, 2007;

www.dirittoprivatoinrete.it 

 

DOWNLOAD ARTICOLO IN FORMATO PDF (RISERVATO MEMBRI GRUPPO "D'ANTONIO CONSULTING TRAINING")    



Sede principale
ROMA
Via Sicilia, 50  (00187)

 

 

Criminologia Bancaria

"White Collar Crime"

 

    tel +39 06 87768288
  tel +39 06 5500234
                    mail: info@dantonio-consulting.it