Mercoledì, 28 Luglio 2021

S.p.A. – nullità dell’atto costitutivo

Cosa accade se il contratto costitutivo di una S.p.A. è nullo in quanto manca degli elementi essenziali, ovvero non è stato rispettato il procedimento per la sua sottoscrizione?

Il c.c. prevede due diverse discipline a seconda che la causa di nullità si manifesti:

  1. prima della iscrizione nel registro delle imprese;
  2. dopo la iscrizione nel registro delle imprese.

La ratio di tale distinzione trova fondamento nella seguente considerazione: prima della iscrizione nel registro delle imprese si ha solo un contratto di società che ha prodotto i suoi effetti tra i contraenti; dopo, invece, si ha una impresa che nello svolgimento della sua attività è entrata in contatto con i terzi contraendo crediti e debiti, distribuendo dividendi e assumendo del personale.

Alla luce di tale considerazione, nel caso sub a) viene applicata la normativa generale, per cui il contratto costitutivo è considerato nullo e tutto ciò che è stato pagato in forza di un contratto nullo deve essere restituito, ossia la nullità ha efficacia retroattiva.

Nel caso sub b), qualora venisse applicata la normativa generale, allora i dipendenti dovrebbero restituire gli stipendi, i soci i dividendi ecc. Per evitare che ci accada è prevista una apposita disciplina, per cui la sentenza che pronuncia la nullità del contratto costitutivo della S.p.A. viene considerata come una causa di scioglimento della stessa e, di conseguenza, non ha efficacia retroattiva. Le conseguenze sono due:

  • se non sono stati pagati tutti i creditori, i soci non sono liberi dall'obbligo, eventualmente assunto, di ulteriori conferimenti;
  • nel processo di liquidazione verranno pagati prima i creditori e solo dopo i soci.

Tale disciplina si pone come obiettivo la tutela dei terzi entrati in contatto con l’azienda il cui contratto costitutivo è stato dichiarato nullo.

 

Cause di nullità

In ogni caso la nullità del contratto costitutivo di una S.p.A. comporta una serie di problematiche. Ed è per tale ragione che il Legislatore ha deciso di circoscrivere tale eventualità ai soli casi veramente necessari. Ed infatti, nel nostro ordinamento le cause di nullità del contratto costitutivo di una S.p.A. sono pochissime, e precisamente tre:

  1. mancata stipulazione dell'atto costitutivo nella forma dell'atto pubblico;
  2. illiceità dell'oggetto sociale;
  3. mancanza nell'atto costitutivo di ogni indicazione riguardante:
    1. la denominazione della società;
    2. i conferimenti;
    3. l'ammontare del capitale sociale;
    4. l'oggetto sociale.

Non solo le cause di nullità sono limitate a pochi casi, ma sono anche sanabili. Ed infatti, la causa di nullità viene meno se viene modificato il contratto sociale in modo da eliminare la causa di nullità. Tale modifica, naturalmente, produce i suoi effetti quando iscritta nel registro delle imprese.

                                                                                                                                                                                                         Alessandro D’Antonio

 

 

Bibliografia:

G. Campobasso, “Manuale di diritto commerciale”, Roma, Utet, 2012;

A. Gambino, Daniele U. Santosuosso, “Fondamenti di diritto commerciale vol.2”, Torino, Giappichelli Editore, 2007;

www.dirittoprivatoinrete.it

 

DOWNLOAD ARTICOLO IN FORMATO PDF (RISERVATO MEMBRI GRUPPO WIKIDANTO APPUNTI)

 



Sede principale
ROMA
Via Sicilia, 50  (00187)

 

 

Criminologia Bancaria

"White Collar Crime"

 

    tel +39 06 87768288
  tel +39 06 5500234
                    mail: info@dantonio-consulting.it